9° giornata: Napoli-Inter 0-0

0
695

E alla fine il pareggio è arrivato.
Il miglior pareggio che potevamo aspettarci.
Perché era chiaro che non si poteva vincerle tutte.
Ci toccherà, nella migliore delle ipotesi, pareggiare più di una partita e anche perderne qualcuna, quasi sicuramente. La storia ci dice questo.
L’unica squadra, negli ultimi 25 anni, che non ne ha persa una in campionato è stata la Juve nel 2011/2012, e in quella stagione pareggiò 15 partite, in media una ogni 2,5 incontri.
E il pareggio è arrivato contro la seconda in classifica, che divide con noi la posizione di miglior difesa del campionato.
Dopo 8 turni.
Ma è guardando la partita che c’è da non restare minimamente delusi.
Il Napoli ha giocato come sempre, come solo lei sa fare.
E anche l’Inter NON ha giocato come solo lei sa fare.
Perché la partita che abbiamo visto ci ha mostrato un Napoli straordinario al quale è mancato solo il gol. Un primo tempo dominato e una ripresa dove l’Inter ha fatto qualcosa in più di prima, e non era difficile visto che non aveva fatto niente di particolare.
Ma è una squadra bravissima a non prendere gol, con un super portiere e solida come poche.
Gioca male, è vero, ma è seconda in classifica. C’è da preoccuparsi quindi se comincerà anche a giocare bene, visti gli uomini in campo e la guida tecnica.
L’Inter non ha rubato nulla ma, non me ne vogliano i tifosi nerazzurri, la differenza appare netta.
Il Napoli gioca a calcio, davvero.
Anche per Spalletti la partita va letta in questo modo: tesse giustamente le lodi ai suoi uomini meritevoli di aver difeso il risultato e sfiorato anche il gol, ma proprio perché si trovava di fronte a un avversario superiore. “Sembra di giocare con i figli di Goldrake”, dice.

Per la Gazzetta dello Sport invece è: “Flop Mertens/Callejon/Insigne”
http://bit.ly/2gzSEpw

“Nerazzurri alla pari……..escono più forti dallo scontro con la capolista” – L’Inter va a Napoli senza il minimo timore, a tratti fa addirittura la partita… e più di una volta va a tirare pure qualche schiaffone a Reina.
7,5 in pagella per Spalletti, 6 per Sarri.
http://bit.ly/2gXhiwV
http://bit.ly/2zGyhv9

Per Caressa durante la telecronaca Sky invece Icardi è come Trezeguet. Anche per me, infatti ieri sera nessuno dei 2 ha giocato.

Per il resto, come detto prima, un pareggio onesto tra 2 squadre diverse.
A questa Inter, alla quale tutti i cronisti vogliono far dire che lotterà per lo scudetto, resta la consapevolezza di avere le carte in regola per un posto in Champions League.

Al Napoli, al quale i cronisti cercano di leggere passi falsi, resta la consapevolezza che non è cambiato nulla.

E mentre Spalletti elegge Sarri Ministro dell’Economia e il Mister partenopeo ricambia nominandolo Ministro della Difesa noi ci guardiamo le altre partite di oggi.
Sperando sempre che non serva l’intervento di un Ministro della Giustizia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here