34 anni e non sentirli!

0
747

5 Luglio 1984. Arrivavi tu.
Sembra ieri, sembra sempre ieri.
E sono passati 34 anni.
Noi ricordiamo e gli altri parlano, parlano, parlano.
Non è un esempio, biascica, è un drogato, è un ubriacone, è un evasore.
Ci fa “vergognare”, per dirla alla Mentana.
E pure questi napoletani, che non guardano avanti.
E’ sempre il solito, disperato, tentativo di capire.
Ma non puoi capire, e non è retorica, se non ti batte un cuore napoletano.

Si, lo so, per voi i professionisti sono altri.
Sono quelli che parlano bene, escono poco, vincono molto.

Sono quelli che non si legano a una città, specie se non ha tradizione vincente.

I professionisti, quelli importanti, le frodi fiscali le fanno per bene. E se li beccano, pur se gli viene comminato il carcere risolvono con qualche maxi multa e nessuno si scandalizza.
E non li fermano certo agli aeroporti per sequestrargli oggetti.

Sono quelli rispettati e stimati se lasciano una squadra perché 21 milioni di € l’anno sono pochi, sono quelli che con stipendi da 16 milioni si fanno riscattare con clausole inimmaginabili per guadagnarne 30 l’anno e poi battono pure i piedi.

I veri professionisti non decidono di stare dalla parte dei più deboli, e insieme passare da quella dei più forti.

I veri professionisti non raccolgono rabbie e frustrazioni di una città e se le caricano sulle spalle, sfidando tutti i poteri che lo corteggiano, senza nessuna convenienza, ma solo per amore.

I veri professionisti non entrano in totale simbiosi con una città.
Maradona perciò non è un professionista, secondo i vostri canoni. E’un napoletano.
E voi, che ce lo ricordate sempre in ogni stadio, che “non siete Napoletani”, come potreste capire?
Ma noi possiamo.
Per fortuna.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here