“Mica siamo Napoli” dice il Sindaco. No, siete peggio…

0
512

In profonda Brianza, si sa, si vive bene.
Non la pensano però tutti così, visto che un gruppo di consiglieri comunali del paesino di Cesano Maderno (38.000 abitanti) in provincia di Monza ha presentato una mozione in Comune sul tema sicurezza, ritenendo il piccolo comune brianzolo allo sbando per spaccio di droga, molestie e vandalismi.
Ma il sindaco della ridente cittadina, tale Maurilio Longhin,cerca di sminuire:
-“i problemi ci sono, ma da qui a dipingerci come#Napoli mi sembra eccessivo”.
https://www.mbnews.it/2017/12/cesano-citta-della-droga-sindaco-longhin-non-siamo-napoli/

Ci troviamo a pochi chilometri da Cantù, dove a marzo scorso l’allora Sindaco Claudio Bizzozero sentì il bisogno di parlare di Napoli, che non aveva mai visto, come di “una fogna infernale” – “una città sporca, inquinata, criminale, mafiosa, corrotta, degradata, clientelare, parassitaria e incivile”.
.
Peccato che però nn si accorgeva che nel suo minuscolo comune le strade erano invase dai rifiuti
http://www.laprovinciadicomo.it/stories/cantu-mariano/cantu-parchi-e-strade-invasi-dai-rifiuti-basta-ci-vogliono-le-telecamere_1204598_11/
e stavano per entrare nel Guinnes dei primati, essendo riusciti a buttare nelle discariche abusive persino un aereo 
http://www.quicomo.it/cronaca/auto-camper-e-persino-unaereo-scoperta-a-cantu-discarica-abusiva.html
roba che se fosse successa a Napoli…….

Ma tornando a Cesano Maderno non posso che comprendere il Sindaco Maurilio Longhin.
Non si può dipingere il loro comune come la peggio Napoli.
Ma la gente lo sa che raccolgono turisti da tutto il settentrione?
Che ogni giorno migliaia di abitanti di tutta la regione e anche oltre scendono alla fermata della stazione di Cesano Maderno?
Si, è vero che non lo fanno per ammirare le chiese e i musei, ma per andare nel bosco delle Groane che è fra le più grandi piazze di spaccio di tutto il Nord Italia da 30 anni, con spacciatori armati di machete e check-point lungo i sentieri
http://espresso.repubblica.it/inchieste/2016/11/28/news/ritorna-il-consumo-di-eroina-e-si-moltiplicano-gli-l-outlet-dello-spaccio-1.289514
http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/17_aprile_24/parco-groane-spaccio-omicidi-ecco-nuova-trincea-droga-42f0e0dc-28ad-11e7-a532-a1780cddea55.shtml

ma questi sono dettagli.
Il turismo è turismo.
E tanti sono i luoghi visitare.
Dopo il bosco delle Groane, a 2 passi dal comune brianzolo, è possibile visitare anche la famosa “cava della ’ndrangheta”. 
30mila metri quadrati di sabbia sotto i quali giacciono “160mila metri cubi di rifiuti di vario genere, anche pericolosi.”
http://www.linkiesta.it/it/article/2012/02/29/cave-e-cemento-le-mani-della-ndrangheta-su-desio/5367/
Roba che la terra dei fuochi è Disneyland.

E di questo bisogna ringraziare anche l’amministrazione efficiente della Brianza, mica quella di Napoli.
Quella degli assessori arrestati per mafia
http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/17_ottobre_16/ndrangheta-arrestato-zema-ex-assessore-cesano-maderno-87ba39ec-b260-11e7-bf11-34734fa10ad5.shtml

e dei comuni limitrofi (Seregno) commissariati per ndrangheta con i loro sindaci arrestati
http://www.ilgiorno.it/monza-brianza/cronaca/ndrangheta-seregno-comune-1.3429730

Pertanto onore al merito.
Cesaro Maderno, non è Napoli. Assolutamente.
E meno male, verrebbe da aggiungere….

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here