Una statua a Bud Spencer. Ma non certo a Napoli…

0
1128

00tf-8′>

Una bellissima statua di bronzo, alta 2 metri e 30, raffigurante il Napoletano Carlo Pedersoli, in arte #BudSpencer, realizzata dalla scultrice Szandra Tasnadi, è stata inaugurata ieri alla presenza delle figlie dell’attore, Cristiana e Diamante.
Se volete ammirarla è semplicissimo.
Una volta giunti a Napoli recatevi a Capodichino, zona aeroporto.
E poi prendete un aereo per Budapest.
Perché l’opera si trova proprio in Ungheria, sulla Corvin Promenade di Budapest.
http://www.repubblica.it/…/bud_spencer_statua_budapest-…/1/…

Un’altra bella statua a grandezza naturale invece è stata realizzata 2 anni fa per ricordare #PinoDaniele, in una Piazza dedicata proprio al nostro artista partenopeo.
Piazza Pino Daniele, per l’appunto.
Come vederla? Semplicissimo.
Una volta arrivati a Napoli, noleggiate un’auto e andate in direzione Battipaglia, uscite a Contursi Terme e proseguite fino al Comune di Oliveto Citra. Perché è proprio nel piccolo comune salernitano nell’Alta Valle del Sele, a 150km da Napoli che troverete l’opera e la relativa Piazza.
https://www.infocilento.it/…/inaugurata-una-statua-in-onor…/

Ma gli omaggi ai grandi artisti partenopei che hanno reso grande la nostra città non terminano certo qui.
Come l’immenso tenore Enrico Caruso nato e morto a Napoli.
I turisti possono ammirare il suo Museo, ricco di cimeli dell’artista.
Basta recarsi nel Comune di Lastra a Signa, nella città metropolitana di Firenze in Toscana.
https://it.wikipedia.org/wiki/Museo_Enrico_Caruso
Ci sarebbe, a dire il vero, anche un piccolo busto a Piazza Ottocalli, ma non è che sia così ben curato.
http://avvocata.napolitoday.it/…/degrado-statua-enrico-caru…

E Masaniello, simbolo della rivolta napoletana contro il governo vicereale spagnolo nel 1600?
Nel 1846 lo scultore veronese Alessandro Puttinati realizzò una statua in marmo raffigurante il capopopolo.
Se volete ammirarla è esposta nella Galleria d’arte moderna di Milano.
http://rete800l.partnertecnologico.it/it/schede/scheda/…

A Totò invece era stato già dedicato un busto nella Piazza Di Alassio, in Liguria, con tanto di giardinetti intitolati.
Poi venne il Sindaco leghista e lo sfrattò: “non vì è nessun legame tra il personaggio e il territorio“, e cambiò il nome dei giardinetti. La statua chiusa in un magazzino. Poi affidata a Cuneo, e poi ritornata ad Alassio in Piazza Toti sul lungomare.

E a Napoli? Una statua in bronzo fu realizzata fine anni 70 dallo scultore Vincenzo Borriello, con i soldi ricavati da una sottoscrizione lanciata da Canale 21.
20 anni a prendere polvere nei depositi del Comune e poi la sistemazione nel 1999 al Rione Alto, in una piccola piazzetta in Via Sigmund Freud irraggiungibile dai turisti.
http://www.ilsecoloxix.it/…/ASVqB8nG-nessuno_statua_napoli.…

C’è poi da segnalare un giardinetto pubblico a Bagnoli intitolato a Totò con relativa (piccola) statua realizzata dallo scultore veneziano Antonio Ruffini.
http://ricerca.gelocal.it/…/nuo…/2007/05/03/VGBVM_VGB02.html

E mentre si aspetta l’apertura del Museo dedicato al Principe della risata annunciato da 20 anni ma mai inaugurato http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/…/museo-toto-nuov…

ci consoliamo con la toponomastica.

Enrico Caruso si becca un vicoletto
http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/…/enrico-caruso-t…

stessa sorte per Pino Daniele
http://www.cinquecolonne.it/napoli-ecco-via-pino-daniele.ht…

Antonio de Curtis ha vie e piazze in tutta Italia ma a Napoli solo una sconosciuta e minuscola via di 300 metri, una parallela di Via Foria.
http://poggioreale.napolitoday.it/…/via-antonio-de-curtis-d…

Roberto Murolo, Renato Carosone e Sergio Bruni si sono presi invece il nome delle piccole traverse di Via Nino Bixio, a Fuorigrotta.
Nino Bixio, il “vicegaribaldi”, quello soprannominato “la belva” quando venne a compiere stragi ed esecuzioni sommarie al Sud durante l’unità d’Italia.
Ai Siciliani disse “È un Paese che bisognerebbe distruggere, e mandarli in Africa a farsi civili“.
La sua Via permane e ai grandi di Napoli toccano le sue piccole arterie.

Come permangono piazze e vie dedicate agli eroi del Risorgimento.

In verità l’elenco dei grandi dimenticati sarebbe troppo lungo.
Se si intervenisse con targhe nei luoghi natii, monumenti, musei e ricorrenti celebrazioni si rischierebbe di camminare in un museo, più di quanto Napoli non lo sia già.

Tornando a Bud Spencer, celebre è il video di un’intervista a una Tv spagnola nella quale dice: “Stai parlando con un Napoletano e non con un Italiano”.
https://www.youtube.com/watch?v=NeiYx7IDAC0

Caro Bud, speriamo che anche Napoli se lo ricordi.

___________________________________________
Napoli tutto tollera e perdona fuor che l’ingegno.
(Libero Bovio, Don Liberato si spassa, 1937)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here