22° giornata: Napoli-Bologna 3-1

0
4862

Una lunga settimana di calcio, quella appena passata.
Ha aperto le danze Gasperini, alla vigilia della sfida con il Sassuolo di Sabato (poi vinta per 3-0 dai Bergamaschi). Gian Piero non ci sta; era fuorigioco su Mertens.
Non ci ha dormito la notte, la storia dei 3 centimetri di tolleranza non l’hanno convinto.
E’ vero, è passata una settimana, ma certe ferite rimangono.
http://www.goal.com/it/notizie/atalanta-gasperini-non-cambia-idea-perso-per-un-goal-in/jkul269fpluy1dygm8hn0jy3r

Nel frattempo da Torino solite lezioni di stile; dopo che Marotta ci ha spiegato che Politano non è in vendita,parallelamente lancia un’offerta per Politano.
E nessuno che gli spiega che il vero acquisto del quale necessitano è una buona quantità di pudore.
https://www.canalesassuolo.it/politano-gli-ultimi-sviluppi-carnevali-incontra-marotta/

Ma è già tempo di Chievo – Juve.

La Juve celebra i buoni rapporti con il Sassuolo indossando la loro maglia.
Ma quando il Chievo si ritrova in 9 uomini capisci subito che gli avversari, qualunque maglia indossino, possono essere solo i bianconeri.
Legittima la prima espulsione, ed anche la seconda a dire il vero, se non nascesse però da un fallo di Asamoah non sanzionato (in area) e dall’eccessiva fiscalità nel far uscire Cacciatore dal campo pur essendosi alzato subito dopo lo scontro aereo.

Il clivense non resiste alla tentazione di fare il segno delle manette e viene espulso.
E tutto fila liscio per i bianconeri che con 2 uomini in più riescono a conquistare i 3 punti.

E subito Tuttosport titola : “Sorpasso”.
https://www.tuttomercatoweb.com/rassegna-stampa/juventus-tuttosport-khedirahiguain-sorpasso-1070506

Mancava solo una nota sul titolo a recitare: “questa copertina si autodistruggerà dopo la partita del Napoli”. Ma quel titolo ce l’avevano pronto da mesi; è stato più forte di loro.

L’ Inter nel frattempo è impegnata nell’anticipo mattutino della Domenica.
Solo 1-1 con la Spal e nerazzurri inviperiti per i 2 punti persi; a crederlo che la sera si sarebbero trovati poi con 1 punto in più su Roma e Lazio.

E mentre Gasperini contatta Mago Otelma per un parere sul fuorigioco di Mertens, arriviamo a Napoli Bologna.

L’arrivo di Verdi a Napoli ricorda un po’ il trasporto dei detenuti a Guantanamo.
Dispiegamento di forze stile G8; cronisti pronti a immortalare risse, scontri, attacchi.

Ma una volta scesi in stazione ci si convince di aver sbagliato città, perché a Verdi non se lo filano nemmeno di striscio.
http://sport.ilmattino.it/calcio/l_arrivo_di_verdi_a_napoli_e_nel_piu_totale_anonimato-3511110.html

Vabbè ci rifaremo allo stadio, avranno pensato.

Ma anche lì indifferenza totale. Che noia. L’avrà pensato anche Verdi che dopo 4 minuti abbandona il campo per un problema muscolare.
http://sport.ilmattino.it/calcio/napoli_bologna_verdi_sostituito-3512811.html

Il Napoli liquida la pratica Bologna per 3-1. Un’autorete di Mbaye e una doppietta del folletto Belga per il Napoli in risposta alla rete di Palacio.
Superiorità indiscussa.
Il Bologna reclama per un fallo di mani di Koulibaly in area e per il rigore concesso a Callejon, ritenuto eccessivo.
Il “mani” è stato ritenuto involontario, e involontario può davvero essere.
L’ “appoggio” di Masina su Callejon pure c’è. Nessuna delle due decisioni è palesemente errata. Anzi. Ma  è onesto dire che non ci si sarebbe scandalizzati se entrambe le decisioni fossero state di tipo opposto. Perché il tocco di Masina è davvero lieve e il contatto di Koulibaly con la mano c’è (o almeno sembra, considerando il successivo video che gira).

Ci è andata bene. Se ci regalano anche una trentina di scudetti siamo in pareggio.

All’80° esce Insigne e i giornalisti di tutta Italia scrutano i volti dello scugnizzo partenopeo e di Sarri. Sembra che Insigne abbia fatto il segno dello “scompagn” e il Mister abbia risposto con “specchio riflesso”, ma non ci sono ancora immagini a supporto.

Siamo sempre primi. Ancora una volta primi.

Ma non c’è tempo di celebrare il primato, perché le tv sono tutte occupate a organizzare la beatificazione di Gigi Buffon che compie 40 anni.

Da Torino intanto la Juve lancia una maglia in edizione limitata a 250 €. https://store.juventus.com/it/content/buffon-40?utm_source=JuveSocial&utm_medium=JTW_ITA&utm_campaign=JTW_ITA-Maglia-Buffon-Black-Edition-28-01-2018

Ne produce 1000 e le vende tutte. Una scommessa vinta. Ma d’altronde con Buffon, le scommesse si vincono facilmente.

Intanto Riccardo Cucchi, conduttore della Domenica Sportiva, apre la puntata parlando delle due rivali per il titolo; “ 2 realtà culturali a confronto, diverse tra loro. Da un lato il colore e il calore, dall’altro l’organizzazione e l’ efficienza.
https://twitter.com/RaiSport/status/957685983289290752

Praticamente da un lato noi con la pizza in mano sotto il sole che ci troviamo lì per caso, dall’altra i professionisti che sono lì per merito.

Qualcuno spieghi che il Napoli è primo con i risultati, con la gestione più equilibrata della Serie A, con un percorso costante di crescita, con i bilanci sempre in attivo, con la metà del fatturato della Juve e con la fedina penale immacolata. E, magari, anche con il nostro calore.

Ma se parli di organizzazione ed efficienza mi sa che devi rimanere a Napoli, Direttore.

Ma la polemica si accende negli studi della Rai quando Sconcerti risponde a Tardelli sugli episodi da moviola di Chievo – Juve.

Il buon Mario dice: ”il problema non sono le espulsioni del Chievo; la discussione della gente normale è: se li avesse commessi la Juve quei falli ci sarebbero state 2 espulsioni contro la Juve?
https://www.youtube.com/watch?v=qZPaDdpXqvg&feature=youtu.be

Una dichiarazione di tale buon senso da far cancellare il ricordo di Ronaldo in panchina alla Juve. Ma Tardelli si infuria. E figuriamoci.
Ed essendo il pensiero così semplice e lineare Riccardo Cucchi si affretta subito a prenderne pubblicamente le distanze.
https://twitter.com/CucchiRiccardo/status/958257935657984000

E il resto d’Italia, esclusa la sponda bianconera, prende le distanze da Riccardo Cucchi.

E, visto che si parla di distanze, Gasperini sembra salti dalla sedia per rivendicare il fuorigioco di 3cm di Mertens.

Mister, conservi il righello. Stasera c’è Atalanta-Juve.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here