Shakhtar-Napoli 2-1

0
530

Ora facciamo smaltire la collera, il dispiacere. Perchè noi le partite del Napoli le viviamo proprio in modo fisico, corriamo con loro, giochiamo con loro, ci danniamo con loro.
Non è stato certo il miglior Napoli, anzi.
E questo Shakhtar non ce l’aspettavamo così, diciamola tutta. Più bravi di quel che si credeva, su ogni aspetto. Abbiamo sofferto poi abbiamo cercato di riacciuffarla ma ci è andata male. Nessun disastro irreparabile ma dobbiamo imparare dagli errori, altrimenti, in un gironcino da 6 partite, se non corri subito ai ripari sei fuori.
Col senno di poi appare tutto chiaro: serviva Allan o Rog, serviva Mertens, Reina ha le sue colpe, Hamsik non è pronto, ecc. In realtá serviva solo il Napoli che ci ha viziato con il suo bel gioco, oltre gli interpreti, e che stasera non c’era. Quel bel gioco che tanto infastidisce alcuni ma che è il nostro unico viatico che conosciamo per arrivare alla vittoria.
Fa niente. Succede anche ai migliori ed è successo anche a noi.
Ci rifaremo, ci sono altri 5 match da giocare. Ripartiamo da qui, dai limiti scoperti e dalla voglia di superarli.
Non è stato il miglior Napoli ma nemmeno il peggiore. 58% di possesso, 11 corner a 0, non eravamo proprio assenti. Abbiamo regalato un tempo, è vero e ci eravamo abituati, viziati, ad altri spettacoli. Serve anche questo. In fondo se per molti la soluzione era a portata di mano, in panchina, ovvero un Allan e un Mertens dal 1ºminuto, allora c’è di che rallegrarsi. Stanno messi peggio quelli che scendono in campo con i “quasiMessi” e i “Mister90mln+ditomedio agli avversari” ed escono bastonati. Noi ripartiamo dal Benevento, perchè lo spettacolo continua. Che nessuno scenda dalla giostra.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here